La sindrome di Obelix cosa è?

Sharing is caring!

La sindrome di Obelix non è altro che la negazione del proprio stato  di grossa corporatura.

Per approfondire si può dire che persone dichiarano di pesare alcuni chilogrammi in meno rispetto al loro peso reale. Nei Paesi francofoni questo tipo di indulgenza con se stessi viene chiamata “Sindrome di Obelix”, visto che il celebre personaggio rispondeva a chi gli faceva notare il suo sovrappeso: “Gros, moi? Non… juste un peu enveloppé, c’est tout’’(Grasso io? No. Sono solo un po’ cresciutello).

In base ad una ricerca portata avanti dall’Institut de veille sanitaire sulle risposte di 629 cittadini francesi, quasi tutti si dichiarano più alti e magri (circa 1,05 chili in meno per il peso e di 0,79 centimetri di altezza in più) di quanto non siano. In particolare, si bara di più tra i 55 e i 74 anni (gli appartenenti ad altre classi d’età, per esempio 35-54 anni, sono infatti stati un po’ più sinceri). Una nota in più: i medici che hanno condotto l’indagine hanno stimato che lo scarto tra il vero peso e quello dichiarato sarebbe stato ancora più grande se prima non avessero avvertito le persone che sarebbero state poi effettivamente pesate.

Quindi cosa ci può suggerire questo?

La paura di piacere o non piacere, il disagio sociale, quello stesso disagio che porta molti ad auto distruggersi, uccidersi oppure isolarsi socialmente nascondendosi dalla società arrivando persino a ammalarsi di malattie come la Anoressia o la Bulimia.

Non accettarsi per come si è in realtà non porta solo ad una emarginazione ma anche ad una serie di spiacevole conseguenze che se capite prima potrebbero scongiurare vere e proprie tragedie.

Forse per questo motivo fu creato quel Cartone animato per dare coscienza di un disagio sociale che nessuno conosce ma è sempre pronta a mietere vittime.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *